News

In questa sezione informiamo i nostri lettori, raccontiamo loro interessanti curiosità e condividiamo le novità che riguardano la nostra azienda.

Pulizia e Manutenzione della maschera CPAP: ecco come fare

Manutenzione e pulizia della maschera CPAP

La terapia ventilatoria con CPAP (Continuous Positive Airway Pressure) è indicata in caso di problemi di respirazione durante il sonno e di apnee notturne, permettendo una migliore ventilazione durante i momenti di riposo e una conseguente crescita della qualità della vita.

Per avere una qualità del sonno ottimale, però, è necessario assicurarsi che questo dispositivo funzioni in maniera corretta. Infatti, per evitare disfunzioni, rotture o esposizione ai batteri, è necessario attuare interventi di manutenzione e pulizia della maschera e di altri componenti. Ecco i nostri consigli.

Come pulire la maschera CPAP: errori da evitare

La pulizia della maschera CPAP favorisce sicuramente una buona igiene, permette all’apparecchiatura di durare più a lungo e consente di eseguire correttamente la terapia.

Per pulire la maschera CPAP è necessario evitare qualsiasi tipo di detergente aggressivo: candeggina, alcool e soluzioni oleose o profumate possono danneggiare il dispositivo e comprometterne il funzionamento.

Anche make-up, creme viso e olii possono rovinare la CPAP, quindi prima di usarla consigliamo sempre di struccarsi e avere il viso pulito.

Un’altra buona pratica per evitare che la maschera CPAP sia esposta ai batteri è la pulizia accurata delle mani prima di toccare il macchinario per qualsiasi operazione.

Per pulire la CPAP e tutti i suoi accessori, consigliamo di utilizzare semplicemente acqua calda o tiepida e sapone delicato. Vediamo come effettuare la pulizia quotidiana e settimanale dell’apparecchio.

Pulizia della maschera CPAP: cosa fare quotidianamente

Pulizia della maschera e dei cuscinetti nasali:

– staccare la maschera e i cuscinetti nasali dalle bretelle di fissaggio;
– pulirli accuratamente con acqua e sapone;
– risciacquarli solo con acqua per togliere ogni traccia residua di sapone;
– lasciarli asciugare all’aria, lontano da polveri o fonti di calore;
– rimontarli.

Consigliamo di prestare particolare attenzione ai cuscinetti sia mentre vengono staccati dalle bretelle sia durante la pulizia: bisogna maneggiarli delicatamente per evitare di strapparli o danneggiarne i bordi.

Ricordiamo, inoltre, di non usare mai l’acqua direttamente sulla macchina, potrebbe danneggiare i circuiti, come per qualsiasi apparecchio elettrico.

Pulizia dell’umidificatore:

– svuotarlo;
– lasciarlo in ammollo per qualche minuto con acqua calda e sapone;
– risciacquarlo per togliere ogni traccia residua di sapone;
– lasciarlo asciugare all’aria, lontano da polveri.

Per far funzionare correttamente l’umidificatore della CPAP è necessario utilizzare sempre e solo acqua sterile. Così facendo si eviterà la formazione di calcare e possibili depositi minerali.

Pulizia dei tubi:

– lavarli con acqua tiepida e sapone delicato;
– lasciarli asciugare all’aria, lontano da polveri.

Pulizia della maschera CPAP: cosa fare settimanalmente

Pulizia del filtro standard in gommapiuma:

– lavarlo con acqua tiepida e sapone delicato;
– risciacquarlo per togliere ogni traccia residua di sapone;
– lasciarlo asciugare all’aria;
– rimontarlo.

Pulizia dell’umidificatore:

– lavarlo con acqua sterile (senza sapone);
– lasciarlo asciugare all’aria, lontano da polveri.

Pulizia delle bretelle di fissaggio:

– lavarle con acqua tiepida e sapone delicato, a mano;
– lasciarle asciugare all’aria.

Pulizia della macchina CPAP:

– scollegarla dalla presa di corrente elettrica;
– passarla con un panno morbido antistatico leggermente inumidito per togliere la polvere.

Seguendo correttamente tutte le indicazioni relative alla pulizia, la maschera CPAP durerà più a lungo.

Condividi
Tabella di conversione gas criogenici liquefatti

Seleziona il GAS, inserisci il valore, confermalo con invio e otterrai la conversione

O2 - Ossigeno
Sezione riservata agli operatori

Questa sezione del sito MedicAir è riservata ai soli operatori sanitari. I contenuti sono da considerarsi di natura puramente informativa e non pubblicitaria. Proseguendo, si dichiara di essere in possesso dei requisiti per la consultazione di informazioni tecniche, secondo le normative vigenti (Ministero della Salute, Linee Guida del 20 dicembre 2017).