Rimedi-contro-il-russare-notturno

Rimedi contro il russare notturno

Succede al 45% degli adulti sani. Per alcuni è forte, per altri è debole; a certe persone accade raramente, per altre è un’abitudine. Stiamo parlando della roncopatia, disturbo meglio noto come “russare”, un problema che interessa moltissimi italiani, ma che in certi casi può essere un’avvisaglia della presenza di patologie sottostanti anche di grave entità.

CAUSE E RIMEDI CONTRO IL RUSSARE NOTTURNO

Scopriamo allora quali sono le causee i rimedi contro il russare notturno e in quali casi questo disturbo necessita indagini mediche più approfondite.

Rimedi-contro-il-russare-notturno

RUSSARE CAUSE

Russare è un problema fisico, ma prima di essere tale viene percepito dall’udito come un rumore fastidioso. Di conseguenza, per poter mettere in atto i rimedi più efficaci contro questo disturbo, è necessario innanzitutto capire da dove ha origine tale rumore. La roncopatia è causata dall’ostruzione del flusso d’aria immesso ed emesso durante il processo respiratorio nelle vie aeree superiori, dietro al naso e alla bocca. Durante il sonno, le vie aeree si rilassano, restringendosi lievemente; in caso di ostruzione, la velocità e la pressione del flusso d’aria aumentano, provocando il tipico rumore del russare. Ciò può accadere sia nel caso in cui sia presente una patologia che interessa le vie aeree superiori (o anche, per esempio, una scorretta conformazione anatomica), sia – in condizioni normali – quando le vie aeree risultano bloccate a causa di malattie quali tonsillite o raffreddore. Ciò che è importante sapere è che, anche se dopo un’accurata visita medica viene riscontrata l’assenza di patologie più gravi, se il disturbo non viene curato si aggrava nel tempo, perché la vibrazione del russare danneggia i vasi sanguigni di testa e collo, indebolendoli e impedendo così di mantenere libere le vie aeree superiori.

RUSSARE RIMEDI

Se il russare dà origine ad altri sintomi, quali per esempio sonnolenza diurna, colpi di sonno improvvisi e cefalea, è opportuno consultare un medico: il disturbo, infatti, potrebbe essere legato a patologie dell’apparato cardiovascolare, in particolare a un’insufficiente ossigenazione del sangue, che potrebbe causare anche ischemie cerebrali. Negli altri casi, invece, per risolvere il problema potrebbe bastare un cambiamento dello stile di vita: perdere peso in eccesso, smettere di fumare, ridurre il consumo di alcolici, dormire su un fianco e svolgere regolarmente esercizio fisico rappresentano i rimedi più efficaci per un sonno tranquillo e, soprattutto, silenzioso!