News

In questa sezione informiamo i nostri lettori, raccontiamo loro interessanti curiosità e condividiamo le novità che riguardano la nostra azienda.

Il ruolo del farmacista nell’individuazione e diagnosi dell’OSAS

ruolo farmacista individuazione e diagnosi OSAS

L’OSAS, acronimo di Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno, è un disturbo piuttosto diffuso nella popolazione: secondo le stime ne soffrono il 4% degli uomini e il 2% delle donne. Eppure, nell’80% dei casi non viene diagnosticata: alcuni sintomi tipici, come ad esempio il russare notturno, vengono spesso trascurati, rendendola una patologia scarsamente riconosciuta. 

In questo contesto, le farmacie giocano un ruolo essenziale e strategico per la salute e la sicurezza del paziente: i farmacisti hanno infatti la possibilità di individuare in maniera tempestiva eventuali sintomi o comportamenti riconducibili a una possibile diagnosi di OSAS. 

Sintomi e comportamenti a cui il farmacista deve prestare attenzione per il riconoscimento dell’OSAS

Ci sono alcuni sintomi e comportamenti specifici a cui il farmacista dovrebbe prestare attenzione. Nel dettaglio: 

  • le condizioni fisiche del paziente, come collo taurino e/o condizione di obesità;

  • i farmaci richiesti dal paziente, come ad esempio antipertensivi, beta-bloccanti per frequenza cardiaca, farmaci per insonnia (benzodiazepine), cerotti nasali per russamento.

Nel caso in cui il farmacista riscontrasse i sintomi e/o le caratteristiche sopraelencate, può offrire al paziente di eseguire e compilare insieme il Questionario di Berlino, un test validato a livello mondiale per valutare la presenza di apnee ostruttive del sonno. 

Che cos’è e come funziona il Questionario di Berlino

Il questionario è di semplice comprensione ed esecuzione, e si articola in tre fasi o sezioni, dedicate rispettivamente a: 

  • Roncopatia o russamento

Questa sezione è incentrata sul russamento notturno, con domande mirate che riguardano anche terze persone che potrebbero aver notato interruzioni della respirazione durante il sonno o altri disturbi. 

  • Vita quotidiana

La seconda sezione riguarda la qualità della vita durante il giorno: chi soffre di OSAS spesso manifesta scarsa capacità di concentrazione, stanchezza, disturbi dell’umore, sonnolenza e cefalea. 

  • Pressione arteriosa

La terza sezione contiene un’unica domanda inerente alla pressione arteriosa, in cui viene chiesto di calcolare il proprio indice di massa corporea (BMI); infatti, il superamento di un determinato valore potrebbe indicare la presenza di OSAS. 

Cosa succede se l’OSAS non viene diagnosticata e trattata in maniera tempestiva

L’OSAS, se non diagnosticata e trattata adeguatamente, può causare gravi problemi di salute. Il sistema cardiovascolare è il primo ad essere gravemente danneggiato da questa patologia che, riducendo il flusso di ossigeno, influenza direttamente il ritmo della frequenza cardiaca e la pressione sanguigna. Questo fenomeno non avviene solo durante la notte (cioè il periodo di tempo durante il quale si verifica l’apnea), ma si verifica anche durante il giorno e in molti casi può portare a ipertensione farmacoresistente. 

A loro volta, le variazioni della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca rappresentano fattori di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari, soprattutto se correlate ad altre patologie (come l’obesità). 

Non va inoltre dimenticato che il rischio di complicazioni aumenta ulteriormente nei pazienti anziani. 

Condividi
Tabella di conversione gas criogenici liquefatti

Seleziona il GAS, inserisci il valore, confermalo con invio e otterrai la conversione

O2 - Ossigeno
Sezione riservata agli operatori

Questa sezione del sito MedicAir è riservata ai soli operatori sanitari. I contenuti sono da considerarsi di natura puramente informativa e non pubblicitaria. Proseguendo, si dichiara di essere in possesso dei requisiti per la consultazione di informazioni tecniche, secondo le normative vigenti (Ministero della Salute, Linee Guida del 20 dicembre 2017).