MedicAir e Naturcoop per la manutenzione delle piste ciclopedonali dei laghi di Varese e di Comabbio

Da novembre 2019 fino alla fine del 2022 MedicAir, azienda leader nel settore dell’home care, sarà lo sponsor ufficiale dei lavori di manutenzione delle zone verdi delle piste ciclopedonali che costeggiano il lago di Varese e quello di Comabbio e che si estendono per circa 28 km. 

ATTENZIONE ALL’UOMO E ALLA NATURA

MedicAir, che ha vinto la gara indetta dalla Provincia di Varese, ha affidato tutti gli interventi di tipo tecnico alla cooperativa sociale Naturcoop, diretta da Paolo Cova, che oltre ad occuparsi della manutenzione ordinaria ad un altissimo livello qualitativo mira al reinserimento lavorativo delle persone più svantaggiate: ad esempio, sono già quattro le persone diversamente abili coinvolte nel progetto.

Inoltre, gli operatori di Naturcoop si muovono sulla pista ciclopedonale in modo assolutamente discreto ma efficace, a bordo di un silenzioso monopattino elettrico, dotati di pinze per raccogliere i rifiuti e pettorine e caschetti per rendersi riconoscibili. La sostenibilità ecologica è sempre al centro della politica di Naturcoop e di MedicAir, tant’è che tutti gli automezzi utilizzati per eseguire i lavori di manutenzione del verde sono alimentati a GPL.

I LAVORI DI MANUTENZIONE E I PROGETTI FUTURI

Durante l’inverno sono stati eseguiti i primi lavori di sistemazione e di messa in sicurezza delle piste: raccolta capillare dei rifiuti, rimozione di rami e tronchi caduti a causa delle fitte piogge, taglio dell’erba e raccolta delle foglie secche, oltre all’eliminazione di rovi che, oltre ad essere pericolosi, avevano tolto la meravigliosa vista sul lago. Inoltre, è prevista la sistemazione della cartellonistica danneggiata, delle bacheche e delle staccionate in legno e la georeferenziazione della zona, cioè una mappatura geolocalizzata di oltre 1.800 punti all’interno delle piste ciclopedonali al fine di tenerle monitorate, pianificare gli interventi necessari e implementare il turismo condividendo il percorso su Google Street View.

NATURA REGINA INDISCUSSA

Naturcoop e MedicAir hanno l’obiettivo di salvaguardare al massimo la natura: è certamente importante ripulire la pista ciclopedonale e renderla sicura per pedoni e ciclisti, ma lo è altrettanto mantenere l’area verde il più naturale possibile, senza eccedere con l’intervento dell’uomo. Come afferma Paolo Cova, direttore di Naturcoop, “la nostra filosofia, infatti, è che questo circuito si snodi attraverso i boschi: il verde non può essere eliminato, di sicuro va controllato e messo in sicurezza, ma senza dimenticarci che gli elementi naturali devono restare. Facciamo anche l’esempio delle foglie: le raccogliamo nelle nostre pulizie periodiche, ma non possono essere del tutto cancellate, perché non siamo in centro città e dobbiamo rispettare il luogo”.

La natura è infatti sempre la protagonista assoluta del progetto, persino quando “si mette di traverso”: durante il mese di febbraio un grosso pioppo è stato abbattuto dal vento ed è caduto in corrispondenza della rotonda di Capolago sulla SP1. Naturcoop e MedicAir hanno deciso di non rimuovere il tronco dell’albero (circa 15 metri di lunghezza), ma di ripulirlo da rami e trasformarlo in tre panchine di legno da due metri l’una sulle quali potersi riposare durante il percorso della pista ciclopedonale.